5 Miti da sfatare sui LED

Falsi luoghi comuni e miti da sfatare sui LED per comprendere meglio il loro potenziale e i benefici che possiamo trarne.

miti

Tra i tanti dispositivi che aumentano la sostenibilità e redditività, l’interesse nell’illuminazione a LED è in grande ascesa, sia per l’illuminazione domestica che industriale. Tuttavia, nonostante i benefici sul risparmio energetico siano abbastanza evidenti, circolano molte idee sbagliate su questa tecnologia.

Ecco quindi una serie di miti da sfatare sui LED.

1) « I LED sono troppo costosi »

È un errore valutare il costo dei LED semplicemente comparandolo a quello dell’illuminazione ad incandescenza o fluorescente, perché significa limitare la propria prospettiva. Dal momento che i LED consumano meno energia, il risparmio annuale può arrivare al 70%, e questo significa che in breve tempo è possibile recuperare l’investimento iniziale.
Inoltre, grazie ai LED si è meno soggetti a forti (e imprevedibile) aumenti dei costi dell’energia, potendo comunque godere un risparmio in bolletta. In più, l’assenza di manutenzione permette un risparmio a lungo termine.

2) « I LED non sono abbastanza luminosi »

Questo mito circola sin dalla prima comparsa dei LED, quando essi avevano solo una limitata gamma di output disponibili e molto spesso non erano così luminosi e potevano risultare poco efficaci in ambienti che necessitavano di molta luce. Oggi la potenza in termini di lumen è così vasta da permettere di scegliere l’intensità più appropriata a ciascun utilizzo. L’efficienza luminosa, infatti, deve essere calcolata in base ai lumen (lm), e non alla potenza elettrica (W).

3) « Investire in opzioni di gestione non vale la pena »

La lunga durata dei LED può portare molti a credere che sia sufficiente per ottenere il massimo del risparmio energetico. In realtà l’installazione di tutta una serie di strumenti di controllo e gestione automatica dei sistemi a LED può ottimizzarne l’utilizzo, ridurre il consumo di energia e minimizzare i costi.

4) « I benefici per l’ambiente dei LED non valgono la spesa »

È insolito decidere di rinnovare l’impianto di illuminazione e passare ai LED basandosi solo sull’impatto ambientale, dal momento che la riduzione delle emissioni di CO2 è solo una parte dei benefici. I restanti benefici provengono dal risparmio energetico che permettono un significante ritorno dell’investimento iniziale.

5) « Alla fine tutti i LED sono uguali »

La tecnologia a LED si è evoluta rapidamente negli ultimi anni, rendono la vita difficile per gli imprenditori che vogliono restare aggiornati sugli ultimi  cambiamenti del mercato. Si crede spesso che non ci sia nessuna differenza tra i diversi prodotti a LED e quindi non ci sia bisogno di investire più del necessario. Al contrario, molto LED di bassa qualità hanno un Indice di Resa Cromatica (IRC) inferiore a 80 che garantisce a malapena che i colori non risultino distorti. Negli ambienti di lavoro, bisogna optare per LED con IRC di 85 – che è il requisito minimo di legge – e una temperatura colore di  3500-4000 Kelvin.

 

La vasta gamma di prodotti a LED può portare molti a farsi idee sbagliate e per comprendere al meglio i vantaggi dei LED è importante superare i luoghi comuni e affidarsi ad esperti che possano suggerire la soluzione più adatta alle singole esigenze.

Proudly powered by WordPress   Premium Style Theme by www.gopiplus.com